cop-inc

copiare incollare copiare incollare incollare incollare copiare. copia incolla, taglia, control x e control v, poi control c, copia copia copia, consuma

crepa

Annunci

ottobre 16, 2007. Intuizioni, Progetto Primario. Lascia un commento.

‘n cazzo da dire

ottobre 9, 2007. Intuizioni. Lascia un commento.

che la si smetta

con la poésia, con le poésie, con l’arte, le sculture, le bellezze.

che la si finisca; che basta, che decada, che scenda, s’afflosci.

ottobre 2, 2007. I nemici, Progetto Primario. Lascia un commento.

… si prega di effettuare i bisogni (urina) all’interno

 

imposto per sangue, il nome-cognome; persino il sopran-nome è fuori di me, te, lui.

la rivolta, non utilizzandoli, scegliendo di scrivere anonimo; di non accettare commenti; di non inserire fellatio, link, parentele oscene.

rubando parole, che poi non hanno appartenenza; rifiutando la citazione

settembre 22, 2007. Progetto Primario. Lascia un commento.

dePopizzazione del Mondo

depopizzare. dunque: avverto l’esigenza di dia-logo.

esiste una funzionalità della piattaforma. si possono invitare altri utenti, scegliendo quali diritti attribuire loro.

comunque… la deriva pop non è arrestabile. il flusso di informazioni non è interrompibile.

la Propaganda non ha limiti.

tutto è Propaganda 

settembre 19, 2007. Progetto Primario, Regole. Lascia un commento.

POPizzazione del mondo

che tutti abbiamo gli stessi riferimenti.

che tutti diciamo le stesse parole.

che nessuno ha letto quel libro là, ma un sacco han visto il film dove si ruba l’idea. e un sacco ne parla e l’idea del libro, che è rubata ai greci (come tutto: mito poiesis ecc.) passa come comune.

ovvero: popolare.

che poi, a casa mia, popolare voleva dire tutt’altro.

settembre 11, 2007. Progetto Primario. Lascia un commento.

così

dico: così.

pensavo delle cose, che non mi va di scrivere. che voglio custodire, a chiave.

ma ora penso: se le parole son di tutti, che senso ha custodirle, nasconderle?

qualcosa riguardo il grottesco e il ridicolo, ridere che nasce dall’essere oggetti degli esseri; e quindi il contrario? se la tragedia diviene ridicola, il ridicolo diventa tragico? e divenendolo, torna tragico e così via?

così, insomma.

settembre 7, 2007. Progetto Primario. Lascia un commento.

1999. cargo. [che succede?]

evidentemente il motivo per cui uno scrive è cercare di riempire dei vuoti. si tende a riempire i vuoti. uno legge delle cose e si fa l’idea che tra le cose scritte esistano dei vuoti, e si dà fare per scrivere lui le cose che possono riempire quei vuoti. in realtà non esiste nessun vuoto. in realtà è già tutto pieno. solo che la nostra mappa fa acqua, è per questo che si continua a scrivere. per lo più sempre le stesse cose.

che succede? da quando penso che le parole sono di tutti, che non facciamo che ri-pe-ter-ci, in ogni libro trovo scritto che le parole son di tutti, che non facciamo che ri-pe-ter-ci.
che succede? c’è scritto davvero?

agosto 29, 2007. Progetto Primario. Lascia un commento.

lupo solitario. di se stesso:

è morto il Lupo, viva il Lupo.
A parte gli scherzi (non ne sarebbe il caso) sento il dovere di illuminarti, e attraverso te rendere edotti tutti gli amici sulle vere ragioni della mia scomparsa.
Scomparsa, ho detto, e non morte: non ancora, spero. Con me scompare anche Blue Time, il mio nick di battaglia e…Lupo Grigio!
Non voglio affermare che sia un mio doppio anch’esso, ma controllate l’elenco dei registrati e decidete voi. I lupi sono sempre e solo lupi. Come già Licaone, re degli Arcadi e i sacerdoti Hirpi, di stirpe italica. Misteriosi e profondi sono i legami che uniscono entità, mondi ed anime.
Veniamo a me, dunque. Figlio unico, di pessimo carattere, ferrarese trapiantato a Bologna, romantico, intelligentissimo, riluttante ai legami, affettuoso coi miei simili, spietato con le prede…tutto in me presagiva il lupo.
E lupo volli essere. Come disse Oscar Wilde, l’unico modo per liberarsi di una tentazione è cedervi.
Il fatto che io abbia assunto il nick “Lupo Solitario” è un sintomo, non l’essenza della mia mutazione. Da tempo premonizioni, presagi, sogni, comportamenti coatti mi turbavano profondamente. La mia attitudine ferina ha impressionato, spaventato collaboratori e colleghi. Non era questo il punto. In privato, cedevo ad impulsi inquietanti. La luna piena, innanzitutto. Per me era un incubo, ed insieme un’estasi. Mi piaceva essere inondato dalla luna, immerso nella sua luce bianca ed estenuata. Quante notti di luna piena ho trascorso nudo, steso nel terrazzino di casa!
(…)

ho ultimato questa lettera rapidamente, nervosamente, con il lapis su un pezzo di carta quadrettata, prima di giungere ai Cliffs, alla luce della luna, e l’ho imbucata nel vicino post-box. Ho perciò solo immaginato l’epilogo della mia storia, che perciò potrebbe, e potrebbe non, essere avvenuto.
Sono tuttavia determinato ad effettuare il gran salto, che spero salvifico, ma che potrebbe anche risultare mortale.
Una flebile speranza sussiste, perciò, di un mio ritorno.
Un ritorno non più da lupo, ma da uomo.
Almeno spero.
Abbi il mio saluto, caro zio, e ti prego di estenderlo a tutti coloro che mi hanno apprezzato e mi hanno voluto bene.
Addio.
Lupo Solitario.

che poi uno dice: e che vuol dire tutto questo?

agosto 28, 2007. Progetto Primario. Lascia un commento.

ultima puntata – cambio stile, fottuto anno bisestile

siamo all’ultima puntata credo.
ho smesso, di fare cazzate, di mischiarmi cercando perché.

a breve, un riconoscimento – ufficiale. vedrò di farne buon uso.
ma cambo vita, credo.
credo…

le ho scritto un messaggio, ho scelto (e questo lo so).
le ho scritto

Avevo paura; non ero pronto; dovevo vedere, capire. Adesso lo so, ho deciso, scelto. Adesso sono pronto! Da oggi ti aspetto

senza fretta, aggiungo. senza ansia.

agosto 17, 2007. Nefandezze, Progetto Primario, Regole, Standard. Lascia un commento.

Pagina successiva »